Utility vehicle. Workmax 800 D, versatile per vocazione

Dopo la presentazione in anteprima al Samoter 2011, JCB ha colto l’occasione di una manifestazione tra le più seguite dagli appassionati di veicoli agricoli per il lancio sul mercato italiano del nuovo Workmax 800 D, un veicolo multifunzione caratterizzato da notevoli prestazioni ed elevate potenzialità operative. 

 

La tappa gardesana di Tractor Pulling Italia, il campionato italiano dedicato a prototipi e trattori derivati dalla produzione di serie, era un evento molto atteso dai molti appassionati di questa particolare competizione. E nemmeno questa volta ha deluso le attese, soprattutto perché è stato scelto come “palcoscenico” per il lancio sul mercato italiano dell’ultimo nato della gamma di “utility vehicle” JCB Workmax, quell’800 D che molte curiosità e attese aveva suscitato al momento della presentazione al Samoter, oggi pienamente soddisfatte a giudicare in base alle reazioni degli operatori che lo hanno provato sul campo il 16 luglio scorso. I quattro esemplari di Workmax 800 D esposti – forniti dalla Agricam di Montichiari (BS), dealer di zona JCB per il settore agricolo – hanno infatti messo in mostra tutte le doti del nuovo modello, che promette di diventare un best seller nel segmento di appartenenza.

 

Gli “utility vehicle” sono ancora poco conosciuti e utilizzati in Europa, ma osservando la loro diffusione in diversi settori applicativi, come ad esempio in Nord America, JCB ritiene che questa tipologia di macchine  troverà “terreno fertile” anche in Europa, adattandosi molto bene a molti e diversi ambiti operativi. L’UTV, infatti, è un prodotto che può affiancare le macchine JCB nei cantieri edili, così come offre interessanti opportunità di impiego nel settore agricolo e in quella della manutenzione del verde. Ma se la versatilità è l’arma vincente di questo mezzo, ecco allora come non considerare altri possibili impieghi degli “utility vehicle” per gli scali aeroportuali e navali, le piattaforme logistiche, l’organizzazione di grandi manifestazioni, la mobilità forestale, e via discorrendo. In sintesi, qualsiasi ambito in cui sia richiesta mobilità compatta, forza di trazione, robustezza, agilità e una capacità di trasporto di tutto rispetto.

 

Con la sua portata massima di 500 kg e l’eccellente agilità che lo contraddistingue, infatti, il JCB Workmax 800 D è in grado di affrontare con successo gli ambiti più disparati, dalla manutenzione del verde e delle grandi tenute alla cura dei vivai, dagli ippodromi e maneggi alla gestione di grandi manifestazioni ed eventi. La macchina si inserisce nella gamma di UTV( “utility vehicle”) proposta da JCB, che già comprende il modello Workmax 1000 D 4×4, destinato agli impieghi più gravosi, e il Workmax 6×4, adatto per l’impiego su tappeti erbosi delicati, quali campi sportivi e da golf.

 

Le sue specifiche costruttive, in particolare – motore diesel Yanmar da 784 cm3, abbinato ad una trasmissione CVT a due velocità con cinghia in Kevlar, bloccaggio elettronico del differenziale 4×4 drive plus – lo collocano idealmente nella fascia intermedia del segmento UTV di gamma media, nicchia attualmente in notevole crescita. Seguendo l’esempio degli altri modelli JCB, la cabina dell’800 D è dotata di pavimento piano con striature antiscivolo per consentire l’accesso senza ostacoli da entrambi i lati, e di sedili a panchetta o anatomici.

 

Uno dei punti di forza del JCB Workmax 800 D è il pianale di carico ribaltabile, con struttura in acciaio della portata di 500 kg, a cui si aggiungono altri 500 kg in configurazione di traino. Valori, questi, che rendono la macchina, oltre che versatile, estremamente produttiva anche nelle applicazioni più impegnative.
Nella parte inferiore del telaio è prevista una piastra di protezione in acciaio per i principali componenti della trasmissione nel caso di impiego in fuori strada impegnativo, come ad esempio i sentieri tra i boschi. Allo stesso modo, per proteggere il motore durante l’attraversamento di corsi d’acqua, la presa d’aria è montata quanto più alto possibile, all’interno del comparto portaoggetti anteriore.

 

Il motore e la trasmissione continua CVT a due velocità sono installati in posizione avanzata rispetto alla maggior parte degli UTV. Questo consente di ottenere una distribuzione ottimale del peso (50-50%) tra parte anteriore e posteriore, con veicolo a pieno carico per garantire sempre la massima trazione.

 

Ma il JCB Workmax 800 D si lascia apprezzare anche per la piacevolezza di guida e, non ultimo, la gradevolezza estetica delle sue forme, che possono essere personalizzate e rese ancor più funzionali grazie all’ampia gamma di optional disponibili. Il Workmax 800 D può essere infatti allestito con numerosi accessori che ne moltiplicano le possibilità d’impiego quali cabina sigillata con porte in due pezzi, porta in vinile o rigida, lampeggiante, kit radio per versioni cabinate, bullbar, rivestimento pianale di carico, gancio di traino anteriore, specchietto retrovisore interno, kit luci di lavoro, kit luci di circolazione su strada e cassone a ribaltamento idraulico.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico