Soluzioni per facciate ad alto contenuto tecnologico. Wicona al MADE Expo

Civitas, la città concettuale dell’involucro edilizio progettata e realizzata in occasione di Made Expo come una zona dedicata di 3.000 mq con una piazza centrale da cui partono quattro grandi vie tematiche: Via Vertigo, ovvero l’emozione della visione e la magia di specchi che metaforizzano il concetto di infinito, di meta, di segno armonico proiettato nel cielo, Via dell’Energia con l’allegoria del giorno e della notte, del sole e della luna, svelando una nuova civiltà dove l’energia è una risorsa al servizio di un uomo che sa gestirla, riusarla, non sprecarla, Via della Sicurezza un arcobaleno di pace e serenità a prescindere dalle nostre ansie e dalle nostre paure, Via del Silenzio, da percorrere immersi in un tunnel di cielo e nuvole.

Ogni via che parte dalla piazza centrale, ha accolto esempi concreti di dettagli costruttivi con Wicona che ha presentato esempi particolarmente significativi di soluzioni per facciate, tutte ad alto contenuto tecnologico.

Facciata a cellule ad alto isolamento termico
Il concetto di infinito che si protende verso l’alto descritto con l’installazione della Via Vertigo di Civitas prende vita nel progetto City Tower di Bolzano, a cura dell’arch. Roberto Nicoli, che ha visto l’applicazione di un sistema Wicona appositamente studiato per concorrere al raggiungimento della certificazione CasaClima in Classe A.

Su una superficie di 5.600 mq, l’edificio presenta una facciata a cellule ad alto isolamento termico: le richieste progettuali hanno definito l’esigenza di raggiungere prestazione termiche elevate e di sfruttare protezioni solari esterne grazie all’utilizzo di pale frangisole fissate alla struttura in alluminio.

La struttura, inoltre, si fonda sull’utilizzo di vetro incollato con silicone ad impiego strutturale. Le scelte progettuali hanno saputo fornire soluzioni efficienti anche al problema della pulizia della facciata, che è resa possibile senza accesso dall’esterno.

Wicona ha proposto un design dei profili adatto ad incorporare vetri a tre lastre, con un listello di isolamento di maggiore spessore. Ogni elemento che costituisce la facciata è costituito da quattro specchiature orizzontali sovrapposte. Le svecchiature inferiori e superiori sono tamponamenti fissi con vetro opaco esterno e pannello in lamiera inox all’interno riempito di materiale isolante. Le due specchiature trasparenti intermedie sono un elemento fisso e un apribile a sporgere verso l’esterno. Da sottolineare è che la tecnologia Wicona permette di avere un elemento apribile che non si differenzia visivamente dalle specchiature fisse, mantenendo lo stesso ingombro di riferimento.

Le lamelle frangisole sono fissate su tutta la lunghezza della cellula grazie a piastre che direttamente si uniscono al profilo principale. Sono state studiati meccanismi speciali “a sporgere” con un’apertura fino a 85° che consentono la pulizia della superficie dall’interno.
Con valori di trasmittanza termica pari a 0,67 W/m2K, l’edificio ha tutte le carte per concorrere alla certificazione in Classe A di Casaclima.

Facciata a doppia pelle
Sono Wicona i sistemi utilizzati per realizzare il complesso residenziale Il Borgo a Milano, un progetto curato dagli architetti Rolando Gantes e Roberto Morisi che ha trovato il suo spazio nella Via dell’Energia.

27.000 mq di superficie per una facciata “a doppia pelle” con elementi di dimensione di 1,5 m per 4 m. Le cellule componenti la facciata, progettate appositamente in funzione dell’opera secondo le indicazioni progettuali degli architetti, consistono in una soluzione “a doppia pelle” ventilata naturalmente su un impianto tecnologico della facciata Wictec EL 60. ogni elemento è costituito da un pannello superiore fisso di 1,4m di altezza e da una specchiatura inferiore apribile di 2,6 m di altezza.

Ogni elemento è integrato da un vetro temperato extra chiaro esterno a tutta altezza che crea una camera di ventilazione circa 140 mm che riduce del 10% circa il valore di trasmittanza termica grazie alla presenza di aperture per l’areazione.

Gli elementi apribili scelti sono della serie di finestre Wicline 77 con anta a scomparsa, un sistema caratterizzato da prestazioni particolarmente interessanti nell’ambito dell’isolamento termico che, insieme ad altri elementi, ha permesso di raggiungere un valore di trasmittanza termica complessiva dell’edificio pari a 1,1 W/m2K, vale a dire, creare un edificio che si fonda su veri e propri “muri” di trasparenza.

Finestre a taglio termico a doppia anta
Nella Via del Silenzio  Wicona ha esposto un campione di Wicline 125, sistema di finestre a taglio termico a doppia anta accoppiata con profondità costruttiva del telaio di 125 mm e dell’anta di 136 mm.

Il sistema a doppia anta accoppiata consente di raggiungere valori di abbattimento acustico certificati fino a 48 dB. Le prestazioni di isolamento termico del sistema sono certificate per valori di trasmittanza fino a Uf = 1.9 W/m²K. e valori Uw fino a 0.95 W/m²K secondo la normativa EN ISO 10077-2.

La specchiatura fissa di Wicline 125 ha un vetro fisso esterno; il sistema è caratterizzato da un’anta di pulizia all’interno in modo che sia possibile inserire una protezione solare totale tra lastra interna ed esterna, secondo le eventuali esigenze del progettista.

Per una maggiore sicurezza, la serie di finestre Wicline 125 è certificata antifeffrazione in classe di resistenza WK2 secondo la normativa ENV 1627.

Serie WICLINE 125 sistema di finestre a taglio termico con anta accoppiata ad apertura solidale (dati tecnici)

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *