Sistemi per tetti verdi: nuovo Derbisedum di Derbigum

Derbigum propone Derbisedum, un nuovo sistema per la realizzazione e la finitura di tetti verdi estensivi per superfici piane e inclinate fino a una pendenza del 15%.

Composto da formelle fornite in cantiere già complete di tutti gli elementi, viene applicato a secco, la posa è versatile e si adatta alla geometria e alle dimensioni del tetto permettendo l’installazione sfalsata solo sul lato lungo oppure in parallelo.

Le formelle Derbisedum sono di due tipi: pretaleate e prevegetate. Nel primo caso il sistema contiene il sedum allo stadio di talea in fase di radicazione e durante la posa deve essere irrigato fino alla saturazione, a cui seguono cicli irrigui che dipendono dal clima e dalla stagione. Trascorso il primo anno dall’impianto, la manutenzione del tetto verde è la stessa del sistema prevegetato che è invece “subito pronto”. Entrambe le versioni vengono fornite complete dei vari strati: un contenitore di accumulo drenante, un elemento filtrante, un substrato di coltura, la ghiaia e infine la vegetazione. Il sistema consente pertanto una posa facile e veloce, e un risultato immediato.

Il contenitore drenante è un pannello stampato delle dimensioni di 60 x 40 x 14 cm in EPS additivato con grafite della densità di 30 kg e imputrescibile. Contiene l’elemento filtrante che è un geotessile realizzato con polipropilene senza collanti, resistente al gelo e ai microrganisimi e funge da separatore e filtro; il substrato di coltura, ovvero una miscela di materiale vulcanico compost organico ed elementi nutritivi di circa 6 cm di spessore su cui poggia uno strato di ghiaia; e infine la vegetazione sormonta il sistema. Anche a piena saturazione Derbisedum risulta essere molto leggero: massimo 93 kg al m2.

Derbisedum, e in generale i tetti verdi, fanno parte dei cosiddetti Cool Roof, ovvero superfici in grado di abbassare le temperature interne degli edifici e rappresentare degli elementi di coibentazione nel periodo invernale.
L’adozione su larga scala dei cool roof può contribuire a risolvere il problema dell’isola di calore urbana, cioè dell’aumento di temperatura delle aree altamente urbanizzate rispetto alle campagne circostanti. Questo comporta vantaggi indiretti connessi alla riduzione del surriscaldamento urbano (4/5°C in più rispetto alle campagne circostanti) e al conseguente fenomeno dello smog fotochimico (ozono, ecc.) e degli eventi meteorologici violenti, con i costi sociali e sanitari correlati, nonché vantaggi derivanti da minori consumi energetici globali e più ridotte emissioni clima alteranti (gas serra).

Il tetto verde è un sistema in grado di salvaguardare l’ambiente in senso più lato: non solo è un ulteriore spazio a disposizione della natura e della biodiversità, ma consente anche di regolare il deflusso dell’acqua piovana verso la rete fognaria in caso di forti precipitazioni grazie alle vasche di accumulo.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico