Sistemi idrosanitari: nuove pompe di calore Rehau

Rehau, azienda leader nello sviluppo di soluzioni per il risparmio energetico, ha studiato tre nuovi modelli di pompe di calore, perfettamente integrabili con tutti i sistemi idrotermosanitari che compongono l’offerta aziendale. Capaci di sfruttare l’energia contenuta nel terreno, nell’acqua freatica e nell’aria, le nuove soluzioni proposte consentono di recuperare dall’ambiente fino al 75% dell’energia, con un risparmio sui costi energetici legati al riscaldamento ed una sensibile riduzione delle emissioni di anidride carbonica.

Dai tradizionali impianti di acqua sanitaria alle moderne tecniche di riscaldamento/raffrescamento a pavimento o parete, fino ai sistemi solari termici e alla geotermia, le nuove pompe di calore sono l’elemento centrale di un approccio basato sullo sfruttamento sostenibile di energia offerta dall’ambiente. In grado di assicurare massimo comfort e benessere abitativo, le nuove soluzioni REHAU puntano sull’efficienza, l’elevata qualità e la durata nel tempo.

Metodo di funzionamento
La pompa di calore Rehau si basa sul principio di funzionamento a “ciclo caldo”, secondo il quale il calore viene dapprima prelevato dalla fonte – aria, acqua o terreno – quindi portato ad un livello di temperatura superiore ed infine convogliato ad un sistema di riscaldamento.  L’intero processo avviene all’interno di un circuito chiuso in cui il fluido refrigerante evapora già a basse temperature e raggiunge in stato gassoso un compressore, dove viene portato ad alta pressione riscaldandosi e reso utilizzabile nel sistema di riscaldamento. Il calore viene quindi rilasciato all’acqua calda, mentre il refrigerante si condensa nuovamente, chiudendo il ciclo.

Tre diversi modelli
A seconda della fonte energetica disponibile, Rehau ha sviluppato tre diversi modelli: la pompa di calore REHAU GEO, per l’utilizzo dell’energia del suolo, REHAU AQUA, che impiega acqua freatica o acqua di fiumi e laghi nelle vicinanze come fonte di calore, e REHAU AERO, per l’uso dell’energia presente nell’aria esterna.

La loro miglior applicazione in abbinamento ai sistemi di riscaldamento radiante. Infatti, dal momento che il loro funzionamento è tanto più efficiente quanto più bassa è la temperatura dell’acqua calda, i sistemi di riscaldamento a pavimento, parete e soffitto rappresentano le soluzioni ideali. Inoltre, con un impianto a ciclo reversibile, è anche possibile utilizzare le pompe di calore per il raffrescamento estivo, convogliando verso l’esterno l’energia dell’edificio.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico