Sistemi di isolamento termico e acustico strutture. Il cantiere di Limbiate ‘Villaggio del Sole’

Le performance termiche e acustiche stanno diventando una caratteristica standard degli edifici a uso abitativo. Imposte dalle normative, ma anche sempre più richieste da una clientela non più attenta solo alle cosiddette “finiture di pregio” – usate a volte per mascherare una scarsa qualità costruttiva, se non veri e propri difetti – ma anche al comfort abitativo e, non ultimo, ai costi di gestione dell’immobile.

Una richiesta che l’impresa è oggi in grado di soddisfare grazie a sistemi completi, individuando e selezionando il meglio di quanto il mercato offre per ognuno dei loro elementi costitutivi. È il caso delle soluzioni per l’isolamento termoacustico adottate dall’impresa di costruzioni Farg srl nel quadro dei lavori per la realizzazione del complesso residenziale “Villaggio del Sole” di Limbiate (Monza Brianza). Un intervento per complessive cento unità abitative, articolate in cinque palazzine da quattro piani fuori terra, alla cui edificazione stanno svolgendo un ruolo da protagonista le soluzioni per l’isolamento acustico a marchio Isolmant.

La struttura
Le palazzine si sviluppano per quattro piani fuori terra (piano terra, due piani intermedi e mansarda) e un piano interrato, destinato a ospitare le autorimesse.
Dal punto di vista strutturale lo schema adottato è una tipica configurazione a telaio, con travi e pilastri in calcestruzzo, solai in laterizio e struttura di copertura, a seconda dei lotti, in legno o calcestruzzo. La connotazione architettonica ed estetica degli edifici è affidata soprattutto ai paramenti murari esterni, per i quali è stata scelta una finitura in mattone faccia a vista, alternata ad ampie zone con finitura a intonaco. A conferire ulteriore personalità agli immobili contribuisce la particolare geometria delle coperture, la cui spiccata articolazione è arricchita dagli elementi di chiusura utilizzati – coppi in cemento con finitura anticata – che si alternano al rame ossidato impiegato per i lucernari.

Isolamento termico
L’isolamento delle pareti perimetrali, in particolare, è del tipo a intercapedine, con una stratigrafia che prevede, dall’esterno all’interno, un paramento in blocchi in laterizio forati da 12 cm di spessore, uno strato di isolante in polistirene espanso sinterizzato additivato con grafite, uno strato isolante acustico, una camera d’aria da 2 cm e un paramento interno in laterizi forati da 12 cm, completato da uno strato di intonaco di finitura da 1 cm. Al fine di contrastare efficacemente la formazione di eventuali ponti termici i pilastri sono stati interamente foderati con pannelli in lana di legno mineralizzata.
Per l’isolamento termico delle coperture in calcestruzzo la scelta è invece caduta su delle lastre in polistirene espanso estruso idrorepellente a celle chiuse, dello spessore di 12 cm, rivestite all’estradosso con una membrana di alluminio goffrato. Le lastre sono dotate di un apposito profilo metallico sagomato a trave reticolare in acciaio zincato che, oltre a fornire un supporto alle tegole, garantisce una efficace ventilazione a tutta falda.

Isolamento acustico
Per quanto riguarda i setti murari che suddividono le diverse unità abitative, è stata adottata una soluzione che prevede l’interposizione, fra un paramento realizzato in blocchi pesanti in laterizio da 12 cm e uno realizzato in forati leggeri da 12 cm di spessore, di uno strato isolante termico di polistirene espanso ad alta densità con grafite e di Isolmant Perfetto BV da 3 cm di spessore di Tecnasfalti.

La medesima soluzione è stata utilizzata anche per le tramezze interne, realizzate in laterizi forati da 8 cm di spessore. Per garantire l’efficacia del trattamento ed eliminare eventuali ponti acustici la posa ha previsto l’utilizzo di una serie di accessori Isolmant; in particolare le Fasce Tagliamuro, utilizzate per la desolidarizzazione di tutte le partizioni verticali dell’edificio – compresa la sola partizione interna della parete perimetrale – al fine di evitare il fenomeno di connessione rigida fra i diversi piani del fabbricato.

Anche il trattamento acustico dei pilastri interni in calcestruzzo è stato effettuato utilizzando soluzioni Isolmant. In questo caso, in particolare, la scelta è caduta su Isolmant Special, strato resiliente in rotoli da 10 mm di spessore costituito da polietilene reticolato fisicamente, espanso a cellule chiuse, ad alta resistenza alla compressione nel tempo, in grado di garantire valori di abbattimento acustico ΔLw pari a 28 dB.

L’isolamento acustico delle partizioni orizzontali, infine, è stato affidato a un pacchetto tecnologico composto da uno strato di sottofondo da 8 cm di massetto alleggerito a base cementizia, da Isolmant Underspecial (materassino isolante in polietilene reticolato espanso a cellule chiuse, goffrato e serigrafato sulla faccia superiore e accoppiato sul lato inferiore con speciale fibra agugliata per migliorare la prestazione acustica), completato da un getto finale di massetto autolivellante a base cementizia, destinato ad accogliere la pavimentazione di rivestimento finale.

Focus prodotti
All’interno del cantiere di Limbiate sono stati utilizzati alcuni dei prodotti di punta del catalogo di soluzioni a marchio Isolmant per il trattamento acustico degli ambienti.
A partire da Isolmant Perfetto BV, una soluzione particolarmente versatile indicata per l’isolamento acustico e termico delle partizioni verticali, sia perimetrali che divisorie, tra diverse unità immobiliari. Realizzato in pannelli battentati a tutta altezza (100 x 285 cm), costituiti da uno strato di polietilene reticolato fisicamente, espanso a cellule chiuse, accoppiato su un lato con uno strato di fibra in tessile tecnico, ad elevato potere fonoisolante e ottima resistenza termica, Isolmant Perfetto BV può essere inserito a secco in intercapedine mentre si costruisce il secondo muro (eventualmente incollato o tassellato se necessario), così come applicato su contropareti in cartongesso o pareti leggere in cartongesso su orditura metallica.
Elevato il potere fonoisolante garantito dal prodotto, che può raggiungere i 54 dB (con doppia parete in laterizio forato da 8 cm e forato da 12 cm, 3 intonaci e Isolmant Perfetto BV da 30 mm in intercapedine). In questo caso è stato previsto l’impiego in accoppiata con le Fasce Tagliamuro Isolmant ad alta densità (50 Kg/mc – versione Standard), utilizzate per l’isolamento acustico sotto le tramezze.
Per l’isolamento delle partizioni verticali è stato utilizzato invece Isolmant Special, materassino resiliente in polietilene reticolato fisicamente espanso a cellule chiuse con densità di 30 kg/mc. L’elevata qualità di questa soluzione la rende particolarmente idonea per applicazioni speciali o ad alto coefficiente di resa, in cui la prestazione finale deve essere garantita nel tempo e lungo lo sviluppo di tutta la superficie, riducendo al minimo eventuali differenze di risultato.
Disponibile in spessori da 3, 5, 10 e 15 mm, Isolmant Special garantisce un abbattimento acustico ΔLw pari a 28 dB (versione da 10 mm).
Isolmant UnderSpecial, infine, è un materassino isolante acustico composto da Isolmant Special 5 mm accoppiato sul lato inferiore a speciale fibra agugliata prodotta su specifiche calibrate per un migliore abbattimento acustico. Isolmant UnderSpecial garantisce un elevato abbattimento acustico sottopavimento in tutti i casi dove sia richiesto anche un aumento del potere fonoisolante del solaio.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico