Scanalatrici Elettriche. Rapidità ed efficienza

Nei lavori cantieristici è possibile ottimizzare le tempistiche per le operazione di esecuzione di tracce a misura nelle murature grazie all’utilizzo degli scanalatori elettrici. Questi elettroutensili si stanno diffondendo rapidamente nelle imprese edili grazie all’utilizzo semplice e veloce che permette di affrontare efficacemente le operazioni di esecuzione delle tracce di lunghezza elevata per la posa di canaline per i cavi elettrici, tubazioni idrauliche o per il passaggio di impianti. Questi macchinari sono potenti e molto precisi, tanto da permettere di lavorare anche le superfici più dure, e non necessitano di grande esperienza per l’uso, facilitando le lavorazioni da eseguire in cantiere.

 

Questi prodotti sono ideali per tagli veloci e precisi e rappresentano per l’operatore un utensile maneggevole, leggero e di grande economia. Lo scanalatore è uno strumento utilizzato per eseguire incisioni, fessure e canali nelle pareti, i soffitti o pavimenti, anche vicino al bordo o agli angoli, grazie al design compatto. In genere ha un motore elettrico con differenti velocità di rotazione, in funzione del materiale su cui intervenire: la velocità di rotazione deve essere infatti selezionata in modo inversamente proporzionale alla durezza del materiale da tracciare.

 

I modelli variano per la potenza e per la tipologia di taglio: con frese oppure con dischi diamantati, anche se esistono prodotti innovativi che uniscono le due modalità. I sistemi di aspirazione in sincrono con filtri sono solitamente forniti come accessorio indispensabile per consentire di lavorare in assenza di polveri ed evitare i danni derivanti dalla lavorazione.

 

Scanalatrici con frese

Con le frese automatiche in metallo si opera in un unico passaggio: sono ideali per materiali leggeri (laterizio semipieno o forato, calcestruzzo cellulare, gesso, tufo) dato che riesce ad asportare completamente il materiale ottenendo una traccia finita già pronta all’uso, ma i modelli più potenti affrontano efficacemente anche materiali più resistenti. Questa tipologia permette la realizzazione di scanalature curve e di regolare la profondità di penetrazione delle frese. Sono dotate di rulli ausiliari di appoggio anteriori e posteriori, di ampio diametro e superficie, per garantire un appoggio stabile ad alto scorrimento sulle superfici, con la possibilità di adeguare la velocità da avanzamento alla durezza del materiale. Spesso non necessitano di aspiratore perché la velocità ridotta delle frese riduce in grani il materiale, invece di polverizzarlo. Le lame delle frese sono ri-affilabili per una lunga durata. Alcuni modelli hanno la fresa inclinata che permette di ottenere una traccia in cui è più facile l’installazione di tubi e canaline.

 

Scanalatrici con dischi diamantati
Si possono praticare due o tre tagli a distanza e profondità variabile per poi finire manualmente l’opera di scalpellatura e pulizia della traccia, ma si riesce ad intervenire su materiali duri come mattoni pieni, pietra o  cemento, anche armato. Le lame funzionano in parallelo ed eseguono il lavoro di canalizzazione tagliando la parete in direzione ortogonale: possono essere di varie grandezze e la larghezza della traccia può essere regolata attraverso un meccanismo ad anelli che aumenta o riduce la distanza dei dischi. La macchina viene guidata nella direzione di taglio: ciò consente un comodo e sicuro avanzamento ed un semplice controllo della lavorazione.

 

La sicurezza è un aspetto molto importante per questo tipo di attrezzatura elettrica: una robusta carcassa e le maniglie inserite in posizione favorevole permettono una presa sicura, il motore elettrico è isolato in modo tale da poter intervenire in ogni condizione, gli organi di taglio non possono venire a contatto con le mani degli operatori e sono presenti interruttori protetti dalla partenza accidentale.

 

Articolo di Andrea Cantini

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico