Rischio “meteo” nei cantieri: una nuova piattaforma per gestirlo

È nata una vera e propria piattaforma per gestire, controllare e prevedere con la maggior attendibilità possibile il meteo e i cambiamenti atmosferici nelle zone di costruzione edile. Questa l’idea di 3bmeteo, uno dei principali portali meteo in Italia. L’obiettivo di questo servizio è quello di coordinare e gestire al meglio risorse e mezzi, tenendo sotto controllo il meteo proprio sul cantiere.

Grazie a una distribuzione multilev (internet, email, sms e consulenza telefonica), è infatti possibile avere sotto controllo il meteo nei cantieri, per meglio gestire uomini e andamento del lavoro giornaliero, settimanale e mensile.  Qualsiasi agente atmosferico avverso come pioggia, vento intenso, ondate di calore, neve o ghiaccio vengono costantemente monitorati grazie a indicatori preventivi di allerta per particolari fenomeni critici e attraverso sistemi più specifici e dettagliati che prendono in considerazione per ogni cantiere e periodo corrispondente le condizioni favorevoli e sfavorevoli nel corso del tempo.

La flessibilità del sistema, da la possibilità di gestire in prima persona le località d’interesse, senza attese o costi aggiuntivi. Una pagina internet personalizzata, senza dover installare nessun software, fornisce un’immediata lettura delle allerte meteo attese nelle successive 72 ore, con la possibilità di vedere in dettaglio sia i rischi meteorologici, sia il tempo atteso sui singoli cantieri fino a 7 giorni in anticipo.

Le allerte principali sono costituite da fenomeni come neve e ghiaccio, precipitazioni intense, venti forti e disagi bioclimatici, mentre in dettaglio è possibile controllare il tempo e la temperatura prevista, la pioggia e il vento di intensità media.

Il sistema è costituito da una pagina internet personale, da una piattaforma e-mail e sms per ricevere allerte diversificate geograficamente, per tipo d fenomeno e intensità e da una consulenza telefonica 24 ore su 24 con un operatore specializzato per l’interpretazione  del dato previsionale nonché per seguire in tempo reale l’evoluzione degli eventi atmosferici.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico