Riqualificazione energetica struttura F-51 del Centro di ricerche Enea di Casaccia

Nell’ambito della riqualificazione energetica di una struttura (denominata F-51) del Centro ricerche Enea di Casaccia (Roma), DuPont Building Innovations, come membro del Club creato con il progetto internazionale “Eco-Building Club”, ha partecipato allo studio di pre-fattibilità con tre suoi avanzati prodotti per il miglioramento di comfort, durata ed efficienza energetica degli edifici

Eco Building Club
Nato dalla collaborazione tra industria e mondo della ricerca, il progetto Eco-Building International Club for advanced European sustainable energy technology dissemination in Europe and China è diretto da dodici partner da Europa e Cina e conta sull’apporto di operatori del mercato dell’edilizia e delle costruzioni provenienti da Francia, Danimarca, Italia, Grecia, Bulgaria e Cina.

Obiettivo di “Eco-Building Club” è svolgere e diffondere i risultati della ricerca, anche attraverso studi di pre-fattibilità riguardanti prodotti e sistemi capaci di elevare l’efficienza energetica degli edifici.

Oltre a DuPont Building Innovations, il Club del progetto “Eco-Building Club” conta in Italia altri 18 membri. La lista dei membri è disponibile nel sito www.ecobuildingclub.net.

Lo studio di pre-fattibilità
Basato sulle caratteristiche termiche definite nella norma UNI 10351 1994, lo studio di pre-fattibilità relativo all’edificio F-51 del Centro Ricerche ENEA di Casaccia, costruito negli anni Ottanta, ha compreso l’analisi e la simulazione dell’attuale efficienza energetica dell’edificio e una stima dei possibili risparmi energetici, in particolar modo quelli relativi al riscaldamento e alla climatizzazione degli ambienti, grazie all’applicazione di materiali e soluzioni per edilizia già disponibili commercialmente.

I materiali considerati nello studio
I materiali di DuPont considerati nello studio di pre-fattibilità sono le membrane a bassa remissività in non-tessuto spunbonded DuPont™ Tyvek® Enercor® Roof e DuPont™ AirGuard® e i pannelli con materiale a cambio di fase DuPont™ Energain®, tutti impiegati nell’involucro edilizio.

Lo studio di pre-fattibilità avviato dall’Eco-Building Club individua e valuta le nuove tecnologie e soluzioni applicabili all’edificio esistente per apportare un considerevole miglioramento della prestazione energetica.

Nella categoria dei materiali di isolamento, l’Eco-Building Club ha analizzato l’efficienza dei pannelli DuPont™ Energain® con materiale a cambio di fase. A differenza delle altre soluzioni analizzate, destinate all’utilizzo nelle pareti esterne dell’edificio, DuPont™ Energain® si applica a pareti e soffitti interni, dove svolge un ruolo di massa termica, contribuendo a ridurre i consumi energetici e a fornire all’ambiente interno un clima equilibrato e confortevole, riducendo inoltre i picchi di temperatura fino a 7 gradi C°.

Tra le soluzioni considerate per l’aggiornamento strutturale dei tetti dell’edificio F-51 è stata analizzata la membrana traspirante a bassa emissività DuPont™ Tyvek® Enercor® Roof. In combinazione con lo strato isolante, questa membrana crea una barriera contro il caldo estivo, migliorando di conseguenza il bilancio energetico.

Data la sua funzione sinergica con DuPont™ Tyvek® Enercor® Roof, è stata considerata inoltre l’efficienza della membrana DuPont™ AirGuard®, anch’essa a bassa emissività. Applicato a più stretto contatto con gli interni (rispetto a DuPont™ Tyvek® Enercor® Roof), DuPont™ AirGuard® svolge un ruolo di membrana attiva che minimizza la creazione di condensa e lo scambio termico tra interno ed esterno garantendo la dissipazione dell’umidità interstiziale eventualmente formatasi.

I risultati
I risultati ottenuti dallo studio di pre-fattibilità sono accessibili alla comunità scientifica e agli operatori del settore per stimolare ulteriori sviluppi e progressi.

Nel sito www.ecobuildingclub.net saranno disponibili per due anni le informazioni relative al progetto, agli operatori, alle tecnologie e ai prodotti energeticamente efficienti ed idonei ad aggiornamenti di edifici protesi al miglioramento della loro classe energetica.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico