Ricostruzione Emilia, il contributo Pontarolo Engineering per l’edilizia scolastica

A sette mesi dal terremoto, l’Emilia torna pian piano alla normalità grazie anche al know how tutto friulano della Pontarolo Engineering, azienda di riferimento per i suoi sistemi e tecnologie avanzate nel campo dell’edilizia innovativa. La ricostruzione dopo il sisma è partita dal cuore delle comunità: le scuole ed il prossimo 15 dicembre sarà, infatti, inaugurata la nuova scuola media di Sant’Agostino, in provincia di Ferrara, per cui l’azienda ha fornito un sistema di fondazioni all’avanguardia.

 

I prodotti della Pontarolo Engeneering, sono stati scelti per la loro capacità di garantire maggiore salubrità e sostenibilità. Il nuovo edificio scolastico è infatti considerato  un esempio emblematico in Italia per la sua altissima efficienza energetica, per il benessere e per la reale sostenibilità ambientale. Nello specifico l’azienda friulana ha provveduto alla fornitura del sistema Cupolex, vespaio aerato in plastica rigenerata. Una tecnologia che permette di realizzare fondazioni con una perfetta impermeabilizzazione contro l’umidità di risalita e la massima aereazione in tutte le direzioni per un ambiente più salubre e privo di gas nocivi come il Radon.

 

La scelta della committenza è caduta su questo materiale il cui utilizzo risulta rapido ed intuitivo. Il vespaio Cupolex ha layout modulare e una capacità di adattamento a qualsiasi tipo di sottofondo e  superficie in pianta garantita anche dalla presenza del compensatore laterale Beton Stop. Quest’elemento brevettato, infatti, compensa tutte le misure progettuali con consistenti risparmi di tempo e una conseguente riduzione dei costi. L’impiego dei prodotti di Pontarolo Engineering ha quindi consentito di velocizzare i tempi di posa in opera, rispondendo in modo ottimale ai ritmi incalzanti delle costruzioni in situazioni di emergenza. Il vespaio Cupolex ha ulteriori peculiarità che lo distinguono da elementi simili, è dotato, infatti, di un cono centrale che garantisce maggiore stabilità per l’operatore durante le fasi di camminamento sopra gli elementi ed una miglior distribuzione del carico che permette di stampare gli elementi più sottili rispetto ad altri, creando quindi un minor impatto ambientale.

 

Oltre alla scuola di Sant’Agostino l’azienda Pontarolo Engineering ha visto l’impiego delle sua tecnologia anche per la scuola elementare di Poggio Renatico, sempre in provincia di Ferrara. Nel complesso sono stati posati oltre 5.000 metri quadrati di elementi Cupolex e 2.500 elementi Beton Stop.

 

“La ricostruzione in Emilia – afferma il presidente Valerio Pontarolo –  è uno degli ambiti nel quale la nostra azienda ha dato testimonianza della capacità di proporre soluzioni innovative rispettose per l’ambiente ed efficienti nel loro impiego in cantiere ed è particolarmente significativo per noi sottolineare che, come riportato dal Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna in merito alle tecnologie da utilizzare per la costruzione degli Edifici Scolastici Temporanei, sono stati utilizzati anche casseri a perdere in polistirene espanso sinterizzato pre-armati e successivamente completati con getto in opera, come i nostri casseri Climablock: innovativo sistema costruttivo che risponde alle richieste di funzionalità e semplicità di montaggio nel pieno rispetto della normativa antisismica. Una conferma, questa, che sottolinea come le casseforme siano un sistema sicuro ed evoluto di costruzione ideale anche per le zone e rischio sismico”.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico