Qualificazione professionale. Le proposte AiCARR finanziabili con i Fondi interprofessionali

In un mondo del lavoro sempre più complesso e competitivo l’aggiornamento professionale risulta oggi fondamentale non solo per essere costantemente al passo con le normative, ma anche per conoscere a applicare in modo mirato le più recenti innovazioni tecnologiche. Questo è valido soprattutto nel settore energetico e della climatizzazione, in cui le innovazioni si susseguono in modo particolarmente rapido.

 

Non solo i neolaureati ma anche i professionisti già affermati necessitano quindi di un aggiornamento continuo e puntuale che permetta loro di implementare e approfondire le proprie conoscenze e di acquisire competenze che siano sempre più interdisciplinari. Tali aggiornamenti, come ben sanno le aziende e gli studi professionali, comportano però dei costi.

 

AiCARR, l’Associazione Italiana Condizionamento dell’Aria, Riscaldamento e Refrigerazione, da oltre venti anni si propone come partner ideale per la formazione e l’aggiornamento degli specialisti del settore e propone un programma articolato e composito finalizzato a fornire competenze tecniche e applicative che completino la formazione e integrino l’esperienza professionale. Dal punto di vista economico, AiCARR ricorda a tutti gli interessati una risorsa molto importante, anche se ad oggi troppo poco conosciuta e utilizzata: i finanziamenti erogati per le attività di formazione dai Fondi interprofessionali.

 

In particolare, per le piccole aziende e gli studi professionali con uno o più dipendenti esiste un fondo ad hoc, denominato Fondoprofessioni, che permette di offrire formazione finanziata al personale attraverso l’emanazione di Avvisi periodici.

 

Particolarmente interessante, data la semplicità delle procedure richieste per l’ottenimento del finanziamento, è l’Avviso 02/2010 che destina, fino ad esaurimento dei fondi, un importo complessivo di 676.381 euro per attività di formazione. Scegliendo fra le proposte formative AiCARR, l’azienda può ottenere un contributo pari all’80% del valore del corso (iva esclusa) fino ad un massimo di 1.500 euro e per un massimo di due dipendenti.

 

Gli unici vincoli sono l’iscrizione dell’impresa o dello studio professionale al Fondo e la posizione di dipendente di chi usufruisce dei corsi. AiCARR ricorda che l’iscrizione a Fondoprofessioni o ad altri Fondi interprofessionali non comporta alcuna spesa aggiuntiva: in questo caso, l’azienda sceglie semplicemente di destinare al Fondo quella percentuale dello stipendio del dipendente che verrebbe altrimenti versata all’INPS per attività di formazione che solo saltuariamente trovano una concreta realizzazione.

 

Ulteriori e dettagliate informazioni sulle modalità con cui avere accesso ai finanziamenti sono reperibili sul sito www.aicarr.org nella sezione formazione.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *