Presentati i nuovi escavatori idraulici Serie 10 Komatsu

Si è svolto a Newcastle, presso lo stabilimento produttivo di Komatsu UK, il lancio ufficiale della nuova, prestigiosa Serie 10 degli escavatori idraulici Komatsu. Davanti a una platea di 750 invitati, riunita a gruppi in giorni dedicati e composita di distributors, concessionari, migliori clienti e giornalisti provenienti da tutta Europa, l’azienda ha presentato la tecnologia da primato che caratterizza l’evoluta ed attesissima serie di macchine.

 

A Paolo Danieli, Product Manager Komatsu Italia, è stato chiesto di illustrare le peculiarità tecniche che, a livello prestazionale, rendono unici gli escavatori idraulici PC240NLC-10, PC290NLC-10, PC360LC-10 e PC490LC-10.

 

Sono sei – ha esordito Paolo Danieli – i plus da evidenziare: basse emissioni, riduzione dei consumi, sicurezza al vertice, maggiore produttività, riduzione dei costi operativi e comfort ulteriormente migliorato. Innanzitutto – ha puntualizzato il Product Manager –  le nuove macchine sono dotate di motori certificati in base alle normative EU Stage 3B ed EPA Tier 4 Interim. Tali motori common-rail, caratterizzati da un sistema di controllo idraulico della valvola di ricircolo gas di scarico (EGR – Cooled Exhaust Gas Recirculation System), da un filtro antiparticolato (KDPF – Komatsu Diesel Particulate Filter) in grado di catturare più del 90% di particolato e da un sistema di recupero dell’olio e delle emissioni dallo sfiato del motore (KCCV – Komatsu Closed Crankcase Ventilation), possono garantire non solo ridotte emissioni di NOx e PM, ma anche prestazioni d’eccezione in termini di produttività e bassi consumi.”

 

Alla riduzione dei consumi che caratterizza queste macchine – ha approfondito il Product Manager Komatsu – concorrono, oltre al motore, le nuove pompe ad alto rendimento e maggior portata, l’evoluto sistema combinato di controllo pompe-motore che mantiene costantemente la miglior sinergia tra portata (inclinazione piattello pompe) e giri motore, la riduzione delle perdite di potenza idraulica, i tubi di diametro maggiorato e i minori giri motore in funzione Auto-Deceleratore. In relazione all’abbattimento dei consumi, sono infine da menzionare anche la nuova modalità di lavoro Attachment Economy Mode che consente di utilizzare le attrezzature in modalità Economy risparmiando carburante, nonché le mirate funzioni del monitor, in cabina, dedicate proprio ai consumi: l’operatore infatti può non solo verificare direttamente sul monitor i dati dei consumi di carburante, ma anche visualizzare suggerimenti per ottenere la miglior efficienza in funzione di ciascun utilizzo. Quest’ultima considerevole opportunità, è garantita dalla nuova versione del sistema satellitare KOMTRAX™ installato sugli escavatori idraulici Serie 10, con funzioni aggiuntive, ai fini di una gestione sempre migliore della macchina. Grazie a questo rinnovato dispositivo – ha spiegato Paolo Danieli –  sono disponibili report molto utili sul consumo di carburante nonché sulle ore e le tipologie di utilizzo della macchina. Inoltre, il sistema offre informazioni sulla rigenerazione del filtro KDPF, con l’obiettivo di mantenere la macchina nelle migliori condizioni operative”.

 

Dispositivi di Sicurezza della Serie 10
Questi nuovi escavatori montano una nuova cabina ROPS conforme alle ultime normative ISO12117-2:2008, progettata per resistere agli impatti più elevati e per offrire la massima protezione in caso di ribaltamento. L’ampia superficie vetrata anteriore, i finestrini laterali, il tettuccio apribile e gli specchietti posteriore e laterali assicurano la miglior visibilità e aumentano il comfort e soprattutto la sicurezza tanto per l’operatore quanto per le persone o le cose che potrebbero trovarsi attorno la macchina. I modelli della Serie 10 presentano inoltre un interruttore secondario di emergenza – azionabile da terra e protetto da attivazioni accidentali –  per lo spegnimento del motore; la telecamera posteriore è ora ben protetta, in quanto integrata nella zavorra, e dotata di un angolo di visualizzazione ampliato, in grado di ridurre ulteriormente i rischi in tutta l’area di lavoro. Infine, anche la manutenzione è stata migliorata ai fini della sicurezza grazie a un cofano motore incernierato posteriormente e ai corrimano addizionali.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico