Noleggio macchine per realizzazione di metanodotto

Sono in corso di realizzazione la posa delle condotte e la costruzione delle strutture per Snam Rete Gas. Il gasdotto Massafra-Biccari, lungo un centinaio di chilometri, e il relativo impianto di compressione di Montesano (Salerno), riceveranno il metano nordafricano, tramite una condotta sottomarina lunga 245 km. Per questo cantiere la Ghizzoni, operante nel campo dei gasdotti dal 1950, è ricorsa al noleggio delle attrezzature GV3.

Le fasi di posa
La posa a terra del gasdotto prevede una serie di fasi. La prima consiste nel trasporto dei tubi sul luogo prescelto. Vengono, quindi, preparati i cantieri, le piste di accesso e di lavoro accanto al tracciato del gasdotto. Eseguito l’escavo della trincea, i tubi sono allineati parallelamente. Seguono la saldatura e la posa della stringa di tubi, mediante l’impiego di mezzi speciali (side boom).

Rinterrata la trincea, si procede al ripristino ambientale. Per la posa della condotta nei tratti più sensibili dal punto di vista ambientale previsto il ricorso a tecnologie all’avanguardia. Talvolta, però, la tecnica standard deve essere rimpiazzata mediante l’impiego d’altre tecnologie.

Nel caso del metanodotto Massafra-Biccari, la Ghizzoni ha fatto ricorso alla tecnica dei micro tunnel. Grazie ad essa è stato evitato, con successo, il ricorso a interventi non compatibili con la particolare natura dell’ambiente collinoso della zona, soggetta a vincoli di tutela.

Il potenziamento della centrale di Montesano
Procedono spediti i lavori di potenziamento dell’impianto di compressione di Montesano (Salerno). L’opera rientra fra quelle destinate al potenziamento della capacità di trasporto dei gasdotti transmediterranei.

Il progetto prevede una serie di interventi di adeguamento impiantistico (modifiche piping di centrale, installazione di nuove caldaie, ecc.) e nell’aggiunta di una nuova unità di compressione da 25 MW di derivazione aeronautica. Sono previsti, infine, vari interventi di mitigazione ambientale affinché l’impianto possa inserirsi meglio nell’ambito territoriale. Ogni attività è coerente con il Sistema di Gestione ambientale per le centrali di compressione, conforme allo standard UNI EN ISO 14001.

Perché il noleggio delle macchine?
Per l’opera, indispensabile a garanzia dell’approvvigionamento energetico delle regioni adriatiche – spiega il responsabile delle attività logistiche e delle infrastrutture della Ghizzoni, Pellegrino Pellecchia – si è ben presto tenuto in considerazione l’eventuale ricorso a un certo numero di macchine a noleggio, a rinforzo della flotta aziendale, composta da ben 150 escavatori.

Sta di fatto che, per far fronte alle necessità di cantiere, la grande azienda parmense ha noleggiato da GV3 fino a 16 mezzi contemporaneamente. Si doveva procedere nel rispetto dei tempi – commenta – prendendo atto che, nel frattempo, un certo numero di macchine appartenenti alla flotta Ghizzoni sarebbero state impegnate altrove, per altre importanti opere.

Le caratteristiche del noleggio
Il servizio reso alla Ghizzoni – dichiara  Enrico Corradini, funzionario GV3 – è motivo di grande soddisfazione anche perchè siamo riusciti a recapitare ogni macchina, sempre, entro il tempo massimo di 48 ore. Abbiamo, così, garantito il costante svolgimento dei lavori. Si trattava di andare incontro alle esigenze operative della grande azienda titolare dell’appalto, la cui forza macchine era ed è tuttora impegnata anche nella realizzazione d’altri progetti in ambito europeo.

Le pronte riparazioni e la puntuale sostituzione dei mezzi in panne hanno fatto sì che nessuna squadra fosse mai costretta al blocco dei lavori. Per il metanodotto e la centrale, sono stati impiegati vari escavatori da 330 quintali. La scelta è caduta sulle diesel da 16 metri JLG 450, per i montaggi. Le JLG 1250 da 40 metri sono state, invece, impiegate per operazioni alla quote più alte. I sollevatori telescopici rotativi fino a 21 metri di quota dal 38.13 al 45.21 della gamma Merlo hanno trovato impiego nella movimentazione dei materiali in cantiere.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *