L’Aquila – consegnate le prime abitazioni del Consorzio Stabile Consta

Il Consorzio Stabile Consta ha consegnato in tempo i primi 2 fabbricati costruiti nell’area di Bazzano per il progetto C.A.S.E. (Complessi Antisismici Sostenibili ed Ecocompatibili), il piano per la progettazione e realizzazione di nuove abitazioni e quartieri a L’Aquila.

Le abitazioni del progetto C.A.S.E. sono destinate alle persone con una casa distrutta o inagibile, del tipo E o F, nel Comune de L’Aquila. I complessi daranno una sistemazione a oltre 17.000 persone.

Per i 19 edifici inaugurati sono state già completate le opere di urbanizzazione e le aree verdi; nei primi 52 appartamenti firmati Consta troveranno alloggio 184 persone. Sono abitazioni costruite con tecniche innovative, completi di mobilio e dotati di elettrodomestici e di tutti i complementi d’arredo necessari.

Un calendario lavori impegnativo
Intenso il ruolino di marcia imposto dalla Protezione Civile. Consta consegnerà altri due fabbricati il 10 ottobre e altri cinque il 20 ottobre. I rimanenti dopo 15 giorni per un totale di undici edifici.
Ricostruire in Abruzzo ci rende molto contenti e soddisfatti – commenta Gioacchino Marabello, Presidente di Mattioli e del Consorzio Stabile Consta – Stiamo svolgendo a ritmi serrati un ottimo lavoro di squadra con Sicap, l’azienda forlivese specializzata nella realizzazione di prefabbricati con cui abbiamo vinto l’appalto in ATI (associazione temporanea d’impresa)”.

La tipologia costruttiva
La tecnologia costruttiva scelta da Consta è quella della prefabbricazione in cemento armato per i suoi aspetti interessanti e caratteristici: velocità di realizzazione, economicità, flessibilità, stabilità. Il fronte anteriore dell’edificio è caratterizzato dal grande portico/pergolato a tutta altezza, il fronte posteriore da un sistema di frangi-sole metallici. Tali componenti sono stati ritenuti indispensabili per il raggiungimento di una elevata qualità architettonica dei singoli edifici e per configurare spazi urbani non estranianti, ma eloquenti e riconoscibili.

Un aspetto fondamentale di questi edifici – spiega Marabello – è la loro sostenibilità ambientale. Tra le qualità intrinseche al progetto vorrei sottolineare la sua facile adattabilità a futuri usi diversi, come per esempio a residenza collettiva speciale (studentato, anziani, ecc.)”. 

La progettazione degli edifici realizzati dal Consorzio Stabile Consta in Ati con Sicap è stata curata da Laut Engineering di Padova, Studio di architettura Rgr di Forlì e Gipieffe di Forlì. Per gli impianti tecnologici ed elettrici è stato all’opera lo Studio Gugnoni Pezzi & Pizzigati.

A breve pubblicheremo sul portale Ingegneri.cc una relazione di progetto dettagliata di questo importante intervento

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico