Isolamento termico. Pannello in polistirene estruso ad alte prestazioni meccaniche

La multinazionale spagnola Ursa è presente sul mercato con il pannello a bordi battentati NVII, top di gamma della linea di isolanti in polistirene estruso XPS per l’isolamento termico in edilizia. L’intera famiglia di prodotti XPS è prodotta nello stabilimento italiano di Bondeno (Ferrara), frutto del know-how del Centro di Ricerca e Sviluppo Ursa Insulation che opera secondo i più alti standard qualitativi certificati CE.

Oltre alle caratteristiche comuni a tutti i prodotti della gamma XPS – quali l’alto potere di isolamento termico e la resistenza ai cicli di gelo e disgelo – l’NVII vanta un’ottima performance in termini di resistenza alla compressione.
Il numero romano VII sta proprio ad indicare la capacità del pannello di sopportare altissimi carichi, fino a 700 kPa, ovvero 70 tonnellate al metro quadro.
Una delle condizioni più gravose alla quale si può sottoporre un materiale isolante, infatti, è data dal passaggio di mezzi in movimento: in questo caso si vanno a sommare i carichi dinamici a quelli di tipo statico.

Anche il comportamento all’acqua dell’NVII raggiunge risultati eccezionali: la struttura a celle chiuse e l’assenza di cavità all’interno fanno sì che il pannello resista molto bene alla penetrazione dell’umidità, con una quasi totale impermeabilizzazione all’acqua.
Dopo essere stato a lungo a contatto con l’acqua, che solitamente – in virtù del suo coefficiente altissimo di conduzione termica – inficia la proprietà di isolante termico del materiale, il pannello NVII è in grado di conservare le sue doti di isolante termico.

Vantaggi Ursa XPS® NVII
• Ottimo isolamento termico
• Altissima resistenza alla penetrazione di umidità
• Bassa permeabilità al vapore acqueo
• Altissima resistenza ai cicli di gelo-disgelo
• Notevole facilità d’uso e di installazione
• Comprovate prestazioni a lungo termine
• Resistente alla muffa e alla corrosione

Applicazioni principali
Pavimenti industriali carrabili
La resistenza a compressione di grandi carichi e l’ottimo comportamento all’acqua sono le peculiarità distintive che rendono l’NVII il prodotto migliore per le applicazioni nelle pavimentazioni industriali.
Tra le case history di successo per questo prodotto si segnala l’impiego nei sottofondi di pavimenti delle aree parcheggio e logistica di Ikea a Parma, Torino, Trieste, Rimini e Baronissi (Salerno), così come nei centri commerciali Bennet di Corsico (Milano), Margherita d’Este a Brescia, Gli Aranci a Catania, nel nuovo quartiere residenziale City Life di Milano e nella stazione ferroviaria di Brescia.

Le applicazioni ideali dell’NVII sono rappresentate dalle pavimentazioni industriali, carrabili e non, dove è richiesto un elevato potere isolante unitamente all’alta resistenza a compressione. Ne sono esempi le celle frigorifere e i magazzini refrigerati per l’industria alimentare, gli hangar per la manutenzione degli aerei, le caserme dei Vigili del Fuoco, i parcheggi di autotreni e automezzi pesanti e i sottofondi di piscine e piste di pattinaggio.

Sistemi a tetto rovescio
Le performance migliori dell’NVII si ottengono quando il rivestimento isolante viene posizionato a secco sopra il manto impermeabile nei sistemi a tetto rovescio, nelle varianti pedonabili e carrabili con pavimentazione in calcestruzzo armato. Questa posa prevede infatti che la posizione del manto impermeabile sia ribaltata rispetto all’isolante. In questo modo, sono i pannelli in polistirene estruso ad essere sottoposti a sbalzi di temperatura, azioni di gelo e disgelo, diffusione di vapore acqueo e sollecitazioni meccaniche, mentre al manto è richiesta la sola funzione dell’impermeabilizzazione.

Il posizionamento dell’isolante all’esterno della copertura fa sì che la struttura situata all’interno accumuli una consistente quantità di calore durante il periodo di riscaldamento diurno, calore che viene poi ceduto all’ambiente abitato durante lo spegnimento dell’impianto.

I vantaggi applicativi nel caso dei sistemi a tetti rovescio sono un’elevata durata nel tempo, la protezione del manto impermeabile rispetto ad elevate escursioni termiche stagionali e alle escursioni termiche giornaliere estive, il miglioramento del comfort termico dei locali abitati, nonché una maggiore facilità di accesso in caso di lavori di riparazione o manutenzione.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico