Isolamento acustico. Controsoffitti Armstrong Building Products per le scuole

Armstrong Building Products – azienda specializzata nella produzione e commercializzazione di soluzioni complete per controsoffitti acustici – ha fornito 65 elementi acustici della gamma Optima Canopy, per garantire un’acustica ottimale e conferire un forte impatto estetico, nella sala mensa della scuola elementare “Cesare Battisti” di Fiume Veneto, in provincia di Pordenone.

L’intervento si colloca all’interno di un piano di potenziamento delle strutture didattiche, avviato dal Comune di Fiume Veneto e conclusosi in occasione dell’inizio del nuovo anno scolastico. Il progetto di ampliamento ha previsto la costruzione di un refettorio e di una palestra, fruibile in modo autonomo rispetto al complesso scolastico.

Elementi di progettazione
La sala mensa, in cui sono stati inseriti gli elementi acustici Optima Canopy, ha un’ampiezza di circa 250 mq e garantisce una presenza di 160 persone a sedere. Dal punto di vista architettonico, è stata ideata con linee semplici ed essenziali. Infatti, le facciate est e ovest sono state concepite quasi totalmente finestrate per favorire l’apporto di luce naturale, elemento fondamentale per locali aventi caratteristiche funzionali. Inoltre, un sistema fisso di frangisole, in cotto, protegge la superficie vetrata, della parete est, dall’esposizione diretta ai raggi solari. Anche le finiture hanno rivestito un ruolo importante: la copertura è stata realizzata con elementi strutturali in legno e la pavimentazione è stata posata in gres porcellanato.

Nella progettazione del locale si è prestata particolare attenzione all’acustica, al fine di garantire un adeguato comfort ambientale, così come previsto dal decreto ministeriale 18 dicembre 1975.
La conformazione della mensa, unitamente alla presenza di numerosi bambini, che possono rappresentare fonte di rumore intenso, hanno reso necessaria un’approfondita analisi sul fenomeno del riverbero. Il comportamento acustico degli ambienti chiusi è caratterizzato dalle conseguenze prodotte dai rinvii dell’energia sonora da parte delle pareti di confine e di eventuali oggetti presenti nell’ambiente. Partendo quindi dall’analisi delle caratteristiche superficiali interne delle pareti perimetrali, del soffitto e del pavimento, si è studiato il tempo di decadimento della coda sonora del suono all’interno del locale.

I prodotti utilizzati
La gamma Optima Canopy di Armstrong Building Products è stata la soluzione adottata, dal progettista, per ridurre il tempo di riverberazione e rendere, contestualmente, l’ambiente più gradevole e stimolante per i bambini. La collezione, composta da 10 forme diverse tra cui convessa, concava, quadrata, circolare, esagonale, trapezoidale o di parallelogramma, rettangolare, rappresenta uno strumento flessibile ed originale, per concepire gli spazi come un’area dinamica, dove le idee prendono forma, in un numero infinito di combinazioni.

Per la scuola di Fiume Veneto sono stati selezionati elementi acustici circolari, ciascuno dei quali con un diametro di 1.200 mm ed 1.85 Sabine di assorbimento, calcolato su una frequenza media di 500 – 4.000 Hz (EN ISO 354). Infatti, rispetto ad un soffitto continuo con la stessa area visibile,  garantiscono maggiori prestazioni, poiché il suono viene assorbito sia dalla superficie frontale sia da quella posteriore. Nel complesso, la leggerezza delle forme sospese di Optima Canopy ed il colore bianco della loro superficie, in contrasto con il legno del soffitto, hanno garantito un rilassante senso di armonia e reso l’ambiente esteticamente unico.

Di facile installazione, applicabili a solai, soffitti in cartongesso e a controsoffitti esistenti, sono montati mediante cavi di sospensione ad altezza regolabile. Infine, Optima Canopy si distingue, anche, per una elevata riflessione della luce (~ 90%), che contribuisce a favorire il risparmio energetico.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico