Intonaco e restauro: il caso della Torre dei Corsi a Quiliano

La “Torre dei Corsi” situata a Quiliano (SV) in località Cadibona è stato sottoposta ad un intervento edilizio di restauro particolarmente attento in quanto l’edificio di tre piani e giardino è sotto vincolo monumentale ed è stato dunque fondamentale garantirne la tutela: tutte le opere sono state autorizzate e seguite in cantiere dalla Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici della Liguria.

La buona manutenzione dell’edificio non comprendeva purtroppo gli intonaci, indeboliti dai numerosi interventi, distacchi e riprese che hanno imposto un’operazione di restauro complessivo delle quattro facciate con lo scopo di creare omogeneità nei materiali, nell’estetica e nelle modalità di protezione della muratura.

Prima di procedere sono stati eseguiti numerosi esami preliminari che hanno comportato ricerche di documenti e analisi in modo da potere individuare le caratteristiche tecnico fisiche dei materiali e discernere le parti da asportare e quelle da conservare.
Questa fase di ricerca ed esame ha portato alla luce tracce di decorativi in stile “neogotico” fedelmente ricostruiti nel corso dell’intervento, probabilmente risalenti al periodo in cui la torre, una volta adibita a strategico appostamento militare, è stata trasformata in villa. Sfruttando pitture ai silicati si sono potute riproporre nel restauro le splendide decorazioni della facciata e in particolare lo stemma della Repubblica di Genova.

I materiali impiegati
Dopo avere rilevato che circa il 35% della superficie totale dell’edificio in intonaco non avrebbe potuto essere recuperata, sono state sfruttate per il restauro le esclusive caratteristiche di un ciclo di intonaci a base di calce naturale. Tale ciclo si compone di un primo strato realizzato con Rofix 675 Malta da rinzaffo base calce idraulica naturale, prodotto specifico per il restauro di edifici storici e tutelati, che compensa il potere assorbente del sottofondo e crea un supporto ruvido per l’applicazione di Rofix 697 Componibile Intonaco di fondo per restauri, l’intonaco a mano che, con l’aggiunta di Rofix Grassello di calce stagionato 3 anni, richiama gli intonaci originari. Chiude il sistema l’applicazione di Rofix 397 Componibile Rivestimento di finitura per restauri, anch’esso come gli altri prodotti a base di calce idraulica naturale NHL5, a cui viene aggiunta una percentuale di Rofix Grassello di calce stagionato 3 anni, una combinazione appositamente studiata per la ricostruzione delle strutture superficiali storiche.

In altre zone è stato necessario asportare le riprese cementizie e quelle realizzate con materiali non coerenti con gli originari. L’intonaco è stato restaurato con opportune riprese con impasti che hanno permesso di recuperare l’omogeneità strutturale con le parti preesistenti. In particolare, per garantire uniformità di grana con gli antichi intonaci, è stata adottata la soluzione di utilizzare sabbie di granulometria non inferiore ai 4mm. Le diverse componenti dell’intonaco sono state uniformate con uno strato finale di Rofix Antique Intonachino a base di grassello di calce stagionato e sabbie di varie granulometrie con un effetto di leggera colorazione paglierina naturale.

Il vano sottotetto della torre, che nel tempo da principale baluardo difensivo era stato trasformato in locali di abitazione per la servitù, gli intonaci interni e i pavimenti sono stati anch’essi oggetto di intervento, insieme al manto di copertura in abbadini alla genovese, e all’oritura in legno del tetto. Perseguendo i criteri di restauro che hanno caratterizzato l’intervento nella zona esterna della Torre dei Corsi, si sono recuperate anche in queste zone le parti di intonaco originali e si sono sostituiti i rimaneggiamenti più recenti con malte a base di calci idrauliche naturali.

Scheda sintetica: Restauro “Torre dei Corsi”
Dati essenziali :
– torre: superficie coperta  mq 84;  piani 3
– corpo annesso: sup. coperta mq 88; piani 2 più piano fondi
– superficie intonaci esterni: mq  750
– superficie parete decorata: mq 170
– tempi di esecuzione 12 mesi

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico