Impianti elettrici. La realizzazione di Villa Cafaro

Villa Cafaro è il nome di una casa di riposo recentemente realizzata nel comune di Limbadi, in provincia di Vibo Valentia, costruita su un appezzamento di terreno di quasi 30.000 mq donato al Vaticano da una famiglia locale, con il solo vincolo che su questo lascito venisse edificata una struttura di pubblica utilità. In poco tempo è sorto così un complesso edilizio da adibire a casa di riposo per anziani, costituito da un corpo centrale, da due gruppi di residenze a schiera e da un alloggio per il custode, oltre ad alcuni corpi tecnici (cabina elettrica, centrale termica) ed alle aree di parcheggio, le strade e le zone verdi.

L’edificio è a pianta a croce a bracci asimmetrici a due elevazioni, al piano terra sono posizionati la hall di ingresso e gli uffici, le sale soggiorno, il ristorante, la cucina, la lavanderia, un salone per terapie occupazionali e la cappella. Il primo piano è destinato alle camere per gli ospiti e ad altri ambienti di uso comune. La struttura ha una capacità di 59 posti letto con 31 camere, tutte con bagno privato ad uno o due letti, e una metratura che varia dai 12 ai 17 mq circa.
A nord e a est del corpo principale sono previste due schiere di alloggi, costituite da due gruppi da 10 abitazioni ciascuno, di circa 55 mq, ognuna dotata di due posti letto con servizi igienici, angolo cottura, soggiorno ed un piccolo giardino di pertinenza.

Il progetto esecutivo di Villa Cafaro è stato sviluppato e realizzato dall’impresa Restuccia Costruzioni spa, azienda leader in Calabria nella realizzazione di strutture prefabbricate e di edilizia tradizionale nel settore delle opere pubbliche ed industriali.
Le opere impiantistiche sono state realizzate ad opera dell’impresa ELCAB Impianti Tecnologici, con l’utilizzo, per quanto riguarda l’impianto elettrico, di prodotti del gruppo BTicino.
L’impianto elettrico, calcolato ai sensi della legge 46/1990, prevede punti presa e punti luce in numero idoneo secondo la destinazione d’uso dei vani (layout impianto elettrico).

Descrizione impianto elettrico
Artech Studio Messina è lo studio che ha realizzato la progettazione  dell’impianto elettrico, come racconta l’ing. Francesco Mento: “Nel nostro studio ci occupiamo di edilizia ed impianti, abbracciando a 360 gradi architettura ed ingegneria. Siamo in due soci, io, che seguo l’impiantistica,  e l’arch. Francesco Romano, che invece  si occupa della parte edile. Operiamo principalmente nel Sud Italia, ma in questo periodo stiamo cercando di acquisire lavori anche all’estero.
Presso la struttura di Villa Cafaro sono stati installati 1 trasformatore da 400 kilowolt/ampere, quadri BTicino con un valore di corrente massima da 800 ampere e condotti sbarra Zucchini, marchio del gruppo BTicino, da 800 ampere per i collegamenti in cabina dal quadro di media al power center, oltre alle canalizzazione metalliche Legrand.
Trattandosi di un pensionato per anziani, quindi senza cure mediche, l’impianto è stato concepito come se fosse una struttura alberghiera, quindi andando a sfruttare i controsoffitti dei corridoi, dove abbiamo installato condotti sbarre Zucchini. La scelta del condotto sbarre era nettamente preferibile, e ci ha evitato opere murarie per le tracce. Inoltre tutti gli ambienti hanno un sistema di  automazione che consente di attivare e disattivare  con delle apposite centraline di controllo BTicino tutti i sistemi di risparmio energetico e di comfort all’interno delle camere. Le stesse vengono utilizzate nelle strutture alberghiere di alto pregio.
Dal punto di vista installativo, i condotti sbarre rappresentano la scelta più facile e flessibile, il fatto di avere tutta l’impiantistica nel controsoffitto rappresenta una comodità anche in seguito, non solo in fase di installazione, garantendo sempre facilità di intervento e di manutenzione”.

Scheda lavori Villa Cafaro
Esecuzione opere civili: Restuccia Costruzioni Spa, Via Cimato a Mesiano di Filandari (VV).
Installatore: Elcab Impianti Tecnologici, Via F.lsi Cervi 52, Motta Filocastro-Limbadi (VV)
Progettisti: Artech Studio Messina, Arch. Simona Ganassi Agger, l’Arch. Maurizio Romano e l’Ing. Francesco Mento, Via Loggia dei Mercanti 20, Messina

Materiali: BTicino
Canalizzazioni metalliche Legrand
Condotto da 500 ampere in alluminio serie MR
Quadri elettrici
Centraline di camera
Trasformatori Edm
Sistema di allarme a chiamata
Serie Civile Màtix e Living International
Sistema TVCC
Controllo accessi camere
Scatole di derivazione
Scatole a parete

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico