Il Sistema a Cappotto in Europa. Cortexa ospita il summit EAE

Crescita economica e sviluppo di nuove tecnologie per il sistema a cappotto: sono questi i temi emersi nel summit europeo dell’EAE, di cui Cortexa è socio fondatore. Il presidente EAE, Lothar Bombös, ha convocato gli undici rappresentanti dell’European Association for ETICS (EAE) a Firenze, per discutere sui prossimi obiettivi dell’associazione. Il meeting nel capoluogo fiorentino sottolinea il ruolo strategico che Cortexa svolge in Italia e in Europa nella diffusione della cultura del Sistema a Cappotto.

 

Il summit fiorentino organizzato da Cortexa, a cui hanno preso parte Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Svizzera e Regno Unito, è stata un’occasione per fare il punto sulle strategie di divulgazione della cultura del Sistema a Cappotto in ambito europeo e sui possibili scenari di crescita del mercato di settore.

 

Lo sviluppo di nuove tecnologie che favoriscano il risparmio energetico e la salvaguardia ambientale sono, secondo il presidente dell’ EAE Lothar Bombös, i due aspetti fondamentali per la crescita del mercato dell’isolamento termico esterno. Nel discorso di apertura della due giorni di workshop fiorentina, Bombös ha infatti dichiarato: “Alcuni dei paesi membri, quali Germania, Austria, Svizzera, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca e Polonia, sono il motore del nostro settore.

 

Ci sono, poi, paesi come Francia, Regno Unito e Italia in cui il volume del mercato dell’ETICS e la media dello spessore dell’isolamento stanno producendo una rapida crescita della domanda. Una delle principali ragioni di questo cambiamento è l’incremento dei costi dell’energia e, di conseguenza, la generale presa di coscienza dei vantaggi del risparmio energetico”. In tal senso l’isolamento termico a cappotto rappresenta la soluzione ideale poiché permette una notevole riduzione del consumo energetico e delle emissioni di CO2, limita i costi energetici e garantisce un maggiore comfort abitativo.

 

Una interessante panoramica sul mercato dell’edilizia è stata presentata dal guest speaker Francesco Toso, ricercatore del CRESME, centro ricerche economiche, sociologiche e di mercato. Descrivendo i limiti derivanti dalla crisi economica, Toso afferma che “in Europa il mercato delle costruzioni va riconfigurandosi attraverso una perdita di importanza delle nuove costruzioni a vantaggio della riqualificazione e rigenerazione del parco esistente. L’attività di rinnovo va acquisendo quote di mercato, passando da meno del 48% a quasi il 55% del totale degli investimenti in edilizia, con il picco di paesi come Danimarca, Germania, Italia e Svezia dove nel 2011 superano il 60%”. Se le nuove costruzioni hanno perso una considerevole quota di mercato, il settore dell’edilizia si sta spostando sempre più verso la cosiddetta “energy technology”, intesa come recupero e riqualificazione degli edifici attraverso tecnologie che favoriscono il risparmio energetico. La convergenza tra crisi economica e il nuovo ciclo della riqualificazione edilizia sta producendo degli effetti positivi su questo nuovo comparto in ambito europeo, portando ad una maggiore consapevolezza dei vantaggi dell’isolamento termico in termini di efficienza energetica.

 

Si prospetta, pertanto, un grande potenziale in tutta Europa per il sistema a cappotto, che unisce alle alte performance isolanti la facilità di applicazione nelle ristrutturazioni degli edifici. A dimostrazione di ciò il fatto che i governi dei vari stati europei agevolano il mercato con diverse modalità. In paesi come l’Austria, il governo contribuisce fino al 35% del totale degli investimenti mentre in Belgio le sovvenzioni arrivano fino a 15 euro al mq. Inoltre, alcuni governi nazionali intervengono direttamente a favore dell’isolamento termico a cappotto con leggi o normative su misura. Ad esempio, in Repubblica Ceca si discuterà della riformulazione dell’ EPBD (Energy Performance of Building Directive), mentre in Gran Bretagna il governo sta lavorando alla Green Deal al lancio della Green Deal per regolamentare l’isolamento degli edifici ritenuto il principale strumento di risparmio energetico in edilizia.

 

Dalla due giorni di workshop, dibattiti e analisi dei report nazionali, è emerso quanto il sistema a cappotto rappresenti un’importante soluzione per soddisfare il bisogno di risparmio energetico. In uno scenario in cui si richiede un costruire etico e sostenibile, l’isolamento termico esterno è una soluzione versatile ed efficiente sia per la riqualificazione sia per la costruzione di nuovi edifici. In questa direzione, l’EAE ha promosso una serie di iniziative a favore di una corretta diffusione del sistema a cappotto dal punto di vista professionale e culturale.

 

Il primo fra tutti è l’introduzione del Manuale per una corretta applicazione del Sistema a Cappotto, realizzato sulla base delle normative europee per ETICS (External Thermal Insulation Composite Systems). Il Manuale, curato da Cortexa per l’edizione italiana e scaricabile gratuitamente nel sito www.cortexa.it, è uno strumento indispensabile per la diffusione delle conoscenze tecniche e per la formazione delle figure professionali. Ad esso è affiancata la brochure ETICS are amazing, finalizzata alla diffusione dei vantaggi del sistema a cappotto rispetto degli obiettivi europei 20-20-20.

 

A conclusione dell’assemblea generale, il presidente Lothar Bombös ha annunciato che il 25 ottobre 2012 si terrà a Strasburgo il secondo European ETICS Forum, nel quale sarà presentata la nuova guida europea e si parlerà del contributo dell’ETICS nel raggiungere gli obiettivi 20-20-20. Al prossimo ETICS forum sarà ospite anche lo studio di architettura Barreca & La Varra di Milano, invitato ad esprimere il punto di vista degli architetti sul del tema del risparmio energetico, presenterà progetti a basso consumo e social housing realizzati in Italia e all’estero.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico