Gruppo San Marco, terminata l’analisi LCA del sistema a cappotto Marcotherm

Passi avanti nella realizzazione dell’accordo volontario per la promozione di progetti comuni finalizzati all’analisi e alla mitigazione dell’impatto sul clima della produzione di pitture e vernici, stipulato nel dicembre 2011 dal Gruppo San Marco con il Ministero dell’ambiente. Colorificio San Marco, una delle prime realtà nel settore delle pitture e vernici per l’edilizia professionale in Italia, ha eseguito e successivamente verificato attraverso una task force del Ministero l’analisi LCA (Life Cycle Assessment) sul sistema di isolamento termico a cappotto Marcotherm, uno dei suoi prodotti di punta.

 

La prima fase d’attuazione dell’accordo, è consistita, infatti, nel controllo dell’analisi del LCA (secondo il protocollo ITACA) appena terminata dal Colorificio su Marcotherm. Il team del Ministero ha preso visione di tutti i fattori che determinano l’impatto ambientale di ogni componente il sistema, validando nel contempo l’affidabilità dei dati riscontrati e i risultati ottenuti. Questo esame ha fornito per la prima volta dati riguardanti l’impatto ambientale di un sistema per l’edilizia formato da molteplici componenti, che inoltre ha come obiettivo principale il risparmio energetico nelle abitazioni e, di conseguenza, la minor produzione di CO2 e di inquinanti atmosferici.

 

Nella seconda fase, anch’essa già ultimata, si è proseguito con l’individuazione di una serie di azioni migliorative che hanno permesso di redigere un piano di riduzione dell’impatto. La terza fase, in atto al momento, richiederà l’implementazione delle azioni migliorative, mentre la fase quattro coinciderà con la verifica dei risultati che verranno validati dai delegati del Ministero tramite un audit. Ai benefici derivanti dalla destinazione d’uso del sistema isolante in termini di risparmio energetico, si andranno ad aggiungere quelli relativi al completamento del processo di eco-design che comporterà l’abbassamento dell’impatto ambientale di tutto il sistema, la riduzione della carbon-footprint (impronta di Carbonio) e, in definitiva, un beneficio netto per l’ambiente.

 

“Questo importante elemento aggiuntivo – fa sapere il direttore scientifico del Colorificio San Marco Giovanni Marsili – non solo metterà gli utilizzatori di Marcotherm nella condizione di scegliere un sistema per l’edilizia performante, certificato ed affidabile, ma comporterà un vantaggio competitivo derivante dal minor impatto ambientale“.

 

Per quanto riguarda le azioni migliorative, si prevede un incremento nell’utilizzo di materie prime a minore impatto ambientale, un aumento del ricorso a fonti energetiche rinnovabili e dell’eco trasporto (veicoli a basso inquinamento e consegne via mare e su rotaia), uno sforzo ulteriore per l’abbattimento degli sprechi e dell’inquinamento (riduzione dell’uso dell’acqua nei processi industriali e riduzione delle emissioni industriali).

 

L’intesa e il programma di lavoro concordato con il Ministero rientrano nell’interesse da sempre manifestato da Colorificio San Marco per il tema della sostenibilità ambientale e, in particolare, per l’analisi del ciclo di vita del prodotto e la relativa diffusione di modelli sostenibili nel settore della produzione di pitture e vernici per l’edilizia professionale.

 

Operando sempre in sintonia con la direttiva 1999/13/CE – che mira a prevenire o a ridurre gli effetti diretti e indiretti delle emissioni di COV (composti organici volatili) nell’ambiente e sull’uomo -, il Gruppo è stato uno dei primi a proporre soluzioni a base acqua per smalti ed impregnanti con la Linea Unimarc, per la quale non vengono impiegati pigmenti o composti a base di piombo, cromo, cadmio o mercurio e non vengono utilizzati  composti classificati come cancerogeni, mutageni o tossici per la riproduzione. Nel 2005 è nata la linea Supernatural: prodotti COV zero, senza solventi, ipoallergenici, mentre nel 2009 è stata costituita la Linea Greenspirit, una selezione di prodotti naturali e ad alta tecnologia a basso impatto ambientale e per la bioedilizia.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico