Escavatore cingolato – Novità dalla JCB

Presentiamo il nuovo nato in casa JCB, nell’ambito degli escavatori da 33 a 40 tonnellate.
Si tratta dell’ escavatore cingolato JS360 Auto da 36 tonnellate.
È  la prima novità dell’azienda per la fascia più alta di questa categoria di peso. La macchina abbina elevati valori di coppia, portata della pompa e forza di strappo alla benna a un’eccellente controllabilità, per applicazioni quali: demolizioni, cave, movimentazione terra e costruzione di strade.

Il motore Isuzu conforme alla Tier III, a 6 cilindri da 7,8 litri del JS360 assicura potenza e coppie elevate abbinate a bassi consumi e livelli di rumorosità. I 212 kW (281 CV) di potenza erogati a 2.000 giri/min si ottengono grazie a un regolatore elettronico isocrono che risponde automaticamente alle richieste dell’impianto idraulico, mantenendo la potenza ottimale del motore per una determinata condizione di funzionamento. Il risultato è una maggiore reattività e tempi ciclo più rapidi, migliorando sensibilmente la potenziale produttività delle nuove macchine.

Il JS360 è equipaggiato con un braccio monolitico da 6,45 m.
Il braccio è disponibile con avambracci di diverse lunghezze, da 2,1, 2,63, 3,23 e 4,03 m. Le strutture sono integralmente saldate per offrire ulteriore resistenza per l’impiego del martello idraulico e per altri lavori gravosi.
Le prestazioni erogate dall’impianto idraulico e dal motore sono controllate dal sistema di gestione avanzato JCB (AMS). L’AMS propone quattro modalità di funzionamento: Auto, Economy (Consumi ridotti), Precision (Precisione) e Lifting (Sollevamento) che consentono all’operatore di scegliere il livello di potenza e velocità necessario per una determinata operazione.

La portata e pressione elevate garantiscono anche forza all’avambraccio, forza di traino e forza di scavo della benna di massimo livello per migliori prestazioni. La forza di penetrazione all’avambraccio è di 245 kN, mentre la forza di strappo massima della benna pari a 230 kN supera fino ad un massimo del 20% quella di molti modelli sul mercato.
L’accesso per la manutenzione sul JS360 è ottimo: con la manutenzione dal livello del terreno garantisce una migliore sicurezza per i tecnici addetti all’assistenza, evitando così di dover salire sulla torretta. Un cofano di accesso incernierato al vano motore rende l’accesso alla coppa dell’olio estremamente agevole e un tubo ad attacco rapido, collegabile ai tappi di scarico dei serbatoi olio motore e carburante, ne velocizza le operazioni di scarico. Tutti i gradini e i rivestimenti superiori della piattaforma sono dotati di robusti pannelli antiscivolo. Un display digitale facente parte del sistema AMS in cabina consente i controlli dell’olio motore e i controlli remoti dei filtri olio motore e carburante.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico