Ediltrophy: al SAIE 2013 si rinnova la sfida per eleggere il muratore dell’anno

È giunta alla sesta edizione Ediltrophy, la gara di arte muraria all’interno della quale giovani allievi ed esperti mastri delle Scuole Edili si sfidano in una “singolar tenzone” al fine di eleggere il muratore dell’anno. Sabato 19 ottobre, nella cornice del Saie di Bologna si troveranno a gareggiare ben 24 squadre provenienti da tutta Italia.

 

L’edizione di quest’anno si configurerà come una “battaglia” all’insegna dell’antisismica e del risparmio energetico: Ediltrophy infatti, in questo 2013, intende promuovere – insieme alla sicurezza sul lavoro – anche la tutela dell’ambiente e del territorio, con una competizione che proverà a mettere in evidenza le conoscenze diffuse dalle 104 Scuole edili facenti capo al sistema bilaterale delle costruzioni coordinato da Formedil.

 

Un proposito che traspare in controluce anche dalle parole del Presidente di Formedil, Massimo Calzoni: “Alla luce dei danni provocati dagli eventi sismici che negli ultimi periodi hanno scosso il nostro Paese, abbiamo ritenuto utile lanciare un messaggio chiaro. Costruire bene e secondo le regole è indispensabile per la sicurezza di tutto il territorio nazionale. Con Ediltrophy, quest’anno – continua il Presidente – vogliamo sottolineare l’importanza del rispetto dei criteri antisismici attraverso la realizzazione di manufatti in linea con le più avanzate tecniche di resistenza ed anche il livello di professionalità inerente alla tematica del risparmio energetico acquisito da chi esce dalle nostre scuole edili.

 

A partire dalle 8 e 30 di sabato mattina nell’area antistante ingresso di piazza della Costituzione presso il Saie, 24 squadre, composte ciascuna da due muratori, si affronteranno nella realizzazione di una muratura antisismica ad alta efficienza energetica con uso di laterizi, composta da blocchi di muratura armata e faccia vista. Un manufatto che metterà in evidenza le conoscenze delle tecniche di base e le abilità manuali necessarie per lavorare “a regola d’arte” e in sicurezza.

 

Dato peculiare dell’edizione di quest’anno è la partecipazione per la prima volta alla competizione di una donna: si tratta di una sedicenne ucraina allieva della Scuola Edile di Imperia. Nelle selezioni della Liguria si è classificata prima nella categoria “junior” in squadra con un ragazzo turco, realizzando un rivestimento in mosaico ceramico raffigurante scene di ambiente marino, successivamente donato al Comune di Genova.

 

Al fine di individuare il manufatto migliore è stata istituita una giuria composta da 5 personalità a vario titolo rappresentative del settore edile, nominate rispettivamente dai Consigli Nazionali degli Architetti, degli Ingegneri e dei Geometri e Geometri laureati, che valuteranno il lavoro svolto e i manufatti per la premiazione finale.

 

Secondo il Vicepresidente di Formedil Piero Leonesio “Ediltrophy premia non solo i muratori più abili, ma anche quelli con il bagaglio tecnico più aggiornato. È infatti ormai è necessario adeguarsi alle Linee Guida europee e anche i nostri mastri e apprendisti devono raggiungere standard più alti per competere sul mercato e, soprattutto, per garantire un’edilizia sicura e di qualità“.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico