Dati Comamoter- Un anno difficile per il mercato

Dopo un periodo di record, abbiamo risentito, e con effetto amplificato, della crisi economica generale e delle sue ripercussioni specificatamente sul settore immobiliare, creditizio e finanziario: una situazione d’emergenza che richiede urgenti misure coerenti di sostegno.” Con queste parole Giuseppe Fano, presidente del Comamoter(Associazione dei costruttori di macchine per il movimento terra) ha commentato il difficile periodo congiunturale che attraversa il comparto delle costruzioni.

Tra le azioni necessarie per uscire dalla crisi c’è il sostengo e la promozione delle attività di filiera nell’ambito delle infrastrutture e dell’edilizia, sia in termini di progetti nuovi che di iniziative già avviate.
In aggiunta, prosegue Fano, si deve provvedere al sostegno al credito con strumenti ad hoc che forniscano liquidità al settore, principalmente alle piccole e medie imprese.
Altro nodo critico è il rinnovamento del parco macchine esistente, sia per una migliore rispondenza dei mezzi alle normative vigenti in termini di rumorosità ed emissioni gassose, che in termini di sicurezza.

La situazione nel dettaglio
In Italia le vendite di macchine di produzione nazionale ed estera ha subito un forte calo. Nel 2008 sono state infatti vendute oltre 23.000 macchine, per un valore complessivo di 1,5 miliardi di euro, con una flessione del 22%. Nel corso dell’anno passato anche le esportazioni sono diminuite di circa il 6%, per un totale di 2,8 miliardi di euro e le previsioni per il 2009 danno un ulteriore calo. Sul lato delle importazioni, invece, le perdite 2008 si sono attestate al 16% e ci si attende una flessione leggermente più contenuta nel 2009.
Riguardo alle varie linee di prodotto, le macchine tradizionali (apripista, motolivellatrici, escavatori e pale) flettono del 22%, le terne del 26% e anche le macchine di piccole dimensioni – miniescavatori, minipale compatte e minipale compatte cingolate – registrano un –24%.
I sollevatori telescopici si fermano al –13% e i dumper sono l’unica linea di prodotto che è in crescita (+14%), seppur con volumi contenuti.
Sul versante delle attrezzature, infine, i martelli demolitori flettono del 30% e le macchine stradali, quali rulli e vibrofinitrici, del 12%.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico