Coperture in legno. Vantaggi e applicazioni delle travi KVH in legno lamellare

Per la realizzazione di coperture, tetti e case AB Legno propone le travi KVH in legno lamellare e bilama di abete, che presentiamo brevemente nelle sue caratteristiche salienti. Innanzitutto cosa significa KVH? La sigla identifica un particolare tipo di travi essiccate in legno d’abete massiccio, piallato su quattro lati, con angoli smussati e cuore spaccato. La giunzione a pettine in lunghezza permette di produrre travi di qualsiasi dimensione.

L’azienda di Varese impiega il KVH per la costruzione dei soffitti e dei tetti sia in fase di rifinitura che come elementi portanti della struttura, per le strutture portanti secondarie e per i telai pareti delle case.

I vantaggi del legno lamellare
Il legno lamellare è ottenuto mediante l’incollaggio di tavole in legno e presenta caratteristiche meccaniche fino all’80% superiori a quelle delle travi in massello.
Principalmente impiegato per la realizzazione delle strutture portanti, ha qualità paragonabili all’acciaio, ma con un peso specifico 15 volte inferiore, conservando tutte le peculiarità del legno: calore, pregio e affidabilità (per approfondire leggi anche su Ingegneri.cc Sistema X LAM: moderna tecnica di costruzioni in legno).

AB Legno sceglie per i propri progetti il lamellare di abete per la cui produzione vengono impiegate materie prime di qualità che danno vita a un prodotto omogeneo e qualitativamente certificato. Il bilama è prodotto con lamelle di legno d’abete giuntate e incollate. Utilizzato per costruzioni dove è richiesta un’elevata stabilità e per le pareti portanti delle case Blockhouse, il bilama è resistente all’attacco di agenti corrosivi e insetti, grazie alla essiccazione del legno prima della lavorazione.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico