Coperture fotovoltaiche integrate. Sostituzione di Eternit con Copertura Derbisolar

Le coperture in cemento amianto degli stabilimenti di Santa Maria Codifiume di Argenta (Ferrara), della Marmocchi Angiolino , l’azienda che commercializza la famosa patata Selenella, sono stati sostituiti con il sistema Derbisolar, progettato e creato da Derbigum, che unisce la membrana bianca Derbisolar Base ai moduli fotovoltaici di tipo amorfo prodotti da Unisolar (modello PVL-144).

 

L’intervento è stato effettuato da CO.PA.RI soc. coop. di Forlì, applicatore approvato Derbigum, che ha provveduto all’installazione di un impianto dalla potenza totale di 123.696 kWp che include 859 moduli, mentre la parte elettrica è stata gestita dalla GDL Elettrosistemi. Le fasi operative hanno previsto la rimozione della precedente copertura, la sistemazione del supporto e il ripristino della tenuta impermeabile con un doppio manto Derbigum fornito di garanzia di 20 anni su prodotto e posa in opera.

 

Le celle del sistema fotovoltaico Derbisolar sono infrangibili poiché sono incapsulate nella plastica e non nel vetro. La tecnologia “a tripla giunzione” consente ai moduli una resa superiore, perché sfruttano l’irraggiamento solare diffuso. L’assenza di pesanti strutture metalliche (come per i moduli cristallini), che implicano fori per l’ancoraggio, sovraccaricando il solaio, evita l’effetto “vela”.

 

Nel caso specifico della realizzazione in esame si è rivelata utile anche la flessibilità del sistema, dal momento che lo stabilimento di 4.000 mq è dotato di volte a botte, perfettamente sfruttabile con la soluzione applicata.

 

Derbisolar, riconosciuto dal IV Conto Energia come tecnologia innovativa a totale integrazione (BIPV – Building Integrated Photovoltaics), è stato scelto anche perché gli incentivi di cui gode non diminuiscono progressivamente, come nel caso di altre tecnologie, ma rimangono al contrario stabili, così da rendere più remunerativo l’impiego di questo tipo di impianto.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico