Con la nuova WA320-6, si amplia la linea delle pale gommate Komatsu

Komatsu ha di recente introdotto sul mercato la nuova versione pala gommata WA320-6 –  che va ad unirsi alla già nota WA320PZ-6 – caratterizzata da una potenza di 127kW e da un peso operativo tra i 14.810 e i 15.800 kg.

 

A differenza della versione PZ (con cinematismo a sollevamento parallelo), la WA320-6 presenta il cinematismo a zeta che permette non solo migliori performance nelle operazioni di scavo in banco, nella movimentazione terra e nel carico di sabbia e ghiaia, ma anche un’eccezionale visibilità sugli accessori anteriori nonché la massima altezza di scarico (in relazione a questa classe di pale) e un’elevata forza di strappo grazie a un’ottima capacità di penetrazione e ad un semplice riempimento della benna.

 

Dotata di allestimenti aggiuntivi per la sicurezza quali telecamera posteriore, interruttore generale dell’impianto elettrico e immobilizer, la nuova WA320-6 presenta un fondamentale valore aggiunto: può circolare liberamente in strada, senza bisogno di scorta. Caratterizzata da un motore Komatsu SAA6D107E-1, certificato in base alle normative EU Stage IIIA ed EPA Tier III, la nuova WA320-6 offre un’elevata produttività, bassi consumi e ridotte emissioni di NOx.

 

Fiore all’occhiello di questa pala gommata è la trasmissione idrostatica con risposta immediata che consente molteplici vantaggi, a partire da un’elevata resa del carburante: il motore bassa velocità è necessario solo per sviluppare coppia alle basse velocità. Alle alte velocità, la coppia richiesta diminuisce e il motore bassa velocità viene scollegato tramite una frizione. La portata viene utilizzata solo da un motore e il motore bassa velocità non dissipa alcuna energia del sistema. 

 

La trasmissione idrostatica permette inoltre l’impostazione della velocità massima di traslazione (su 4 livellli), attraverso un selettore di velocità in cabina. Utile per lavorare con maggiore sicurezza in spazi ristretti, questa funzione consente di mantenere le massime prestazioni idrauliche braccio-benna e nello stesso tempo traslare ad una velocità consona agli spazi operativi a disposizione.

 

La trasmissione idrostatica assicura anche una risposta immediata che si traduce in ottima accelerazione e rapide inversioni di marcia. La trasmissione risponde ai comandi dell’operatore senza ritardi fornendo una sensazione di pieno controllo del mezzo. Il sistema di controllo della trazione offe poi la possibilità all’operatore di impostare il tiro massimo in funzione delle condizioni operative e del suolo di appoggio ruote.

 

Ulteriore vantaggio operativo è rappresentato dall’effetto autofrenante della trasmissione idrostatica che rallenta la macchina al rilascio del pedale acceleratore. La trasmissione, sempre in trazione, evita qualsiasi slittamento incontrollato e al tempo stesso aumenta notevolmente la sicurezza; in questo modo inoltre l’usura dei freni viene praticamente eliminata. L’operatività della trasmissione idrostatica è la giusta soluzione perché le macchine possano essere utilizzate da vari operatori, anche quelli meno esperti.

 

La nuova WA320-6 è dotata di una versione ancora più avanzata del sistema KOMTRAX™, qui installato con funzioni aggiuntive quali la rilevazione di importanti informazioni sul consumo di carburante nonché sulle ore e le tipologie di utilizzo della macchina.

 

Questa pala gommata monta l’esclusiva cabina SpaceCab, progettata per aumentare il comfort dell’operatore, grazie alla possibilità di regolare il sedile in base alle specifiche esigenze e all’aumentato spazio interno. La pressurizzazione riduce il livello acustico a 70 db e permette di mantenere polvere e sporcizia fuori dalla cabina. Le porte della cabina incernierate posteriormente e i gradini inclinati con grandi corrimano facilitano ingresso e uscita mentre l’ampio parabrezza completamente vetrato offre una visibilità ottimale. Montata su supporti viscosi il progetto della cabina garantisce un livello di rumorosità molto ridotto e limita la percezione negativa degli urti e delle vibrazioni anche in situazioni di lavoro impegnative.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico