Coibentazione – Vip, Vacuum insulation panels

Riprendiamo la trattazione dei materiali innovativi utilizzati per l’isolamento in edilizia. Dopo i Pcm (leggi articolo) e l’Aerogel (leggi articolo), analizziamo i Vip: Vacuum insulation panels.
Si tratta di pannelli isolanti sottovuoto, le cui proprietà termiche derivano dall’impiego di gas rarefatti.

Si presentano con involucro ermetico in alluminio che racchiude e sigilla una schiuma di acido silicico, priva di aria. Con valori di isolamento di 0.003 W/mK sono i materiali più performanti sulla scena attuale, anche se poco diffusi per i costi elevati. Il loro potere isolante è maggiore di cinque-dieci volte rispetto a quello dei materiali termoisolanti convenzionali.

Possibilità applicative
L’isolamento termico sottovuoto occupa uno spazio tra cinque e dieci volte minore di quello occupato da un materiale isolante tradizionale.
Risulta quindi molto indicato per riqualifi cazioni qualora lo spazio disponibile fosse scarso e si richiedesse un isolamento termico elevato.
I pannelli sandwich sono robusti e applicabili in varie forme di piccola e grande dimensione, in cui è integrato l’isolamento termico sottovuoto.
Una direzione di ricerca in cui si sta indagando riguarda il miglioramento delle prestazioni di vetri isolanti sottovuoto che possono raggiungere eccellenti caratteristiche termoisolanti fino a 0,5 W/mqK di trasmittanza termica.

Punti di forza
Il vuoto consente un isolamento termico molto efficace e che richiede poco spazio.

Punti deboli
I pannelli sottovuoto sono delicati.
L’alterazione del vuoto dovuto a un’accidentale scalfittura del rivestimento potrebbe ridurne drasticamente le prestazioni termiche. Questo li rende difficilmente maneggiabili in cantiere. Il rischio è stato ovviato nei pannelli integrati sandwich prefabbricati da applicare in sezioni di muro facilmente individuabili per evitare perforazioni accidentali da parte degli utenti nelle normali condizioni d’uso dell’immobile. D’altro canto l’eventuale sostituzione di pannelli dovrebbe avere un onere accettabile.
È un materiale in fase di sviluppo che apre la strada a sperimentazioni interessanti.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico