Climatizzazione – Intervento su Castello Beccadelli Bologna

Tekno Point, azienda specializzata nella climatizzazione, ventilazione industriale, riscaldamento e sistemi a energia solare,  ha fornito per lo storico Castello Beccadelli Bologna di Marineo (Palermo) un impianto di riscaldamento a pavimento, abbinato al gruppo termico Futura 52 da 100 Kw, posato in opera al piano terra dello stesso.

Il riscaldamento a pannelli radianti è un sistema a bassa temperatura di alimentazione, in cui la trasmissione del calore avviene per irraggiamento e richiede pertanto una minore quantità di energia per la sua conduzione e diffusione. Inoltre, tale tipologia di impianto impedisce la formazione di muffe e la proliferazione di parassiti poiché non crea e non solleva polvere, assicurando, contestualmente, una temperatura uniforme dell’ambiente.
La soluzione adottata ha previsto l’utilizzo di pannelli isolanti lisci in polistirene estruso (XPS) senza pellicola antivapore, in conformità alla norma EN13164, ed un tubo in PE-Xa con barriera all’ossigeno (DIN4726) con fissaggio alla rete di protezione.

Gruppo termico
Il gruppo termico installato è costituito da due scambiatori primari in batteria.
È un gruppo termico murale, di dimensioni compatte, ideale per essere installato all’interno di spazi ridotti. La regolazione e il controllo avvengono sia dalla tastiera digitale presente sul gruppo termico, sia tramite controllo remoto da Pc o attraverso la telegestione mediante rete telefonica.
Tutti i gruppi termici Futura sono marcati CE e sono stati inseriti nel gruppo di bruciatori con la classe di rendimento più elevata, secondo la Direttiva europea 92/42 e certificati dall’Ente DVGW .

Due parole sul Castello
Posto su un’altura dalla quale domina la Valle dell’Eleuterio, il Castello fu edificato nel 1559 da Gilberto Beccadelli Bologna, figlio di Francesco, fondatore della città di Marineo. Acquisito di recente dalla Regione Sicilia, è stato sottoposto a un parziale restauro riguardante principalmente le coperture e l’ala Nord-Orientale che ospita la sezione archeologica del Museo regionale della Valle dell’Eleuterio.

Il Museo accoglie reperti provenienti dall’intero comprensorio di Marineo e dai diversi insediamenti distribuiti lungo il corso del fiume Eleuterio: materiale punico, corredi funerari ellenistici e tardo-romani, frammenti di anfore invetriate arabe e di epoca normanno-sveva.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico